Concorsi

L'associazione culturale COLLETTIVO ZEROVOLUME indice il primo concorso a premi per artisti. Il tema del 2016 è: FEMMINILE SINGOLARE. Essere Donna in un mondo maschile plurale.

Leggi tutto...

Mission

Tracciare e lasciare segni ed emozioni in libertà. Il progetto nasce dall’esigenza di sconfiggere i pregiudizi, di entrare attraverso l'arte a scalfire la scorza indurita...

Continua...

Mostre

Guardate le mostre in corso o passate che la nostra associazione ha organizzato o sostenuto. Un ottimo modo per dare visibilità alla tua arte.

Continua...

Newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter per essere sempre aggiornato su concorsi, mostre ed eventi che organizziamo durante l'anno, l'iscrizione è gratuita

Iscriviti alla newsletter

‎ZEROVOLUME‬ About Kintsugi 金継ぎ a Garlenda

Venite a vedere gli artisti di ZEROVOLUME

Novità

Garlenda_000
ZEROVOLUME About Kintsugi – Gallery

Il Kintsugi insegna che da una ferita possono nascere una forma e una storia ancora più peculiari, sia esteticamente che… Read More

singolare
Primo Concorso a premi per artisti. FEMMINILE SINGOLARE. Essere Donna in un mondo maschile plurale

L'associazione culturale COLLETTIVO ZEROVOLUME indice il primo concorso a premi per artisti.  Il tema del 2016 è: FEMMINILE SINGOLARE. Essere… Read More

Castello di Garlenda
‎ZEROVOLUME‬ About Kintsugi 金継ぎ a Garlenda

About Kintsugi 金継ぎ a Garlenda. Kintsugi  金継ぎ= riparare con l'oro.  Un'affascinante tecnica giapponese che consiste nel ripristinare con oro, argento… Read More

La nostra Mission

Il progetto nasce dall'esigenza di sconfiggere i pregiudizi, di entrare attraverso l'arte a scalfire la scorza indurita, di trasformare le zone disagiate e industriali abbandonate in parchi artistici, di usare insomma la bellezza come strumento di ricerca e di elevazione.

Chi siamo

Enrica Fracchia Morelli

Sono floral design freelance, amo perdermi tra le architetture della vita in mezzo a arte, design e musica. Il filo conduttore con il collettivo ZEROVOLUME è la necessità di esplorazione, cercando collegamenti tra l’arte e il sociale per rammendare i buchi nella rete della connettività sociale.
Nietzsche credeva che la vita e il mondo dovrebbero essere considerati come un’opera d’arte e sono propensa a vedere il mondo in questo modo e a cercare costantemente le opportunità di auto-espressione nella vita quotidiana.
Come un camaleonte, a disposizione della varietà della vita. Tendo a dare valore anche alle piccole cose e a volte me le appunto scrivendole su fogli, sul cellulare oppure inserendole direttamente nei miei processi e manufatti creativi. In casa abbiamo tutti una passione esagerata per l’upcycle che mettiamo in pratica quotidianamente. Credo che la gentilezza e la bellezza salveranno il mondo e sono un imperativo del mio vivere quotidiano, sempre.

Enrica Fracchia Morelli

Agitatrice culturale

DSC_0473

Sono e non faccio l’insegnante. Posso  vivere solo dove c’è il mare.

Amo viaggiare, in tutti i modi.

Sono laureata in storia dell’arte, mi occupo di teatro, scrivo per alcune riviste scolastiche.

Ho conseguito un master in tecnologie per la didattica presso il Politecnico di Milano.

Credo fortemente nelle relazioni, nel potere della parola scritta, letta, pronunciata, disegnata, agita, nell’esserCI, nello stare dentro alle cose. Con il cuore, in primis e anche con la testa.

Il collettivo Zerovolume è uno degli spazi in cui mi piace, abitare, creare, condividere.

www.sabinaminuto.com

Sabina Minuto

Docente

Bruno Volpez

Ogni opera di Volpez, parla un linguaggio differente, portato a differenti esiti formali, che altro non rappresentano se non la necessità creativa, variabile in base al progredire delle esperienze. I viaggi dell’artista partono dalla notte dei tempi, narrano degli antenati, della nostra evoluzione di animali corrotti dal ragionamento, dei mali di cui il contemporaneo è affetto, per citarne alcuni, come i bambini soldato o le bugie dell’informazione, che si palesano quotidianamente nel nostro vivere veloce: informazioni astratte e lontane, pensieri bidimensione la cui unica passione è il sensazionalismo, vengono assimilate come fossero finzione. E’ sufficiente, per stare tranquilli, che il fatto ignominioso, avvenga dietro l’angolo, lontano dal luogo in cui noi ne possiamo annusare il sangue o sentire il lamento. Bruno Volpez pone il proprio sguardo al nostro servizio, utilizza i colori come fossero voce e carne, si addentra coraggiosamente negli angoli bui in modo che – chi lo desidera – lo possa seguire: è solo osservando sia la maschera sia il volto che è possibile carpire la verità, perché ogni cosa è il risultato della combinazione di essenza ed apparenza

Bruno Volpez

Artista

Iscriviti al Collettivo

Iscriversi al collettivo artistico è semplice, basta compilare i campi dell'apposita scheda, inviare la documentazione richiesta e in breve tempo sarai contattato

Patrocini